Le strategie di business nei settori in declino o maturi

Vantaggio competitivo
Le strategie nei settori maturi ed in declino:
1) Vantaggio di costo
2) Ricerca differenziazione nella fase della maturità
3) Riconfigurazione della catena e del sistema del valore
4) Acquisizione imprese rivali al fine di aumentare la propria capacità se si persegue vantaggio di costo (economia di scala)
5) Espansione internazionale e quindi ricerca di mercati più redditizi
Quali sono gli errori più comuni quando si parla di strategie di business nei settori in declino?
    1. Una spesa eccessiva in promozioni e pubblicità per ridurre il
    2. rallentamento crescita
    3. Non perseguire con la dovuta determinazione una riduzione dei costi
  1. Non reagire a riduzioni di prezzo
  2. Aumentare troppo la capacità produttiva in un momento in cui la domanda rallenta
Un suggerimento riguardante i settori in declino è utilizzare una strategia di gestione della tecnologia e prevenire una innovazione distruttiva.
Spesso è facile non essere in grado di comprendere pienamente se il proprio settore stia attraversando una fase di declino, pertanto è utile tenere presenti le seguenti caratteristiche che indicano quando un settore è in declino:
  • Eccesso di capacità produttiva
  • Assenza di innovazione tecnologica
  • Numero dei concorrenti in diminuzione
  • Concorrenza di prezzo aggressiva

In un settore in declino è possibile ricorrere alle seguenti strategie:

  • Adeguare la capacità produttiva alla diminuzione della domanda
  • Strategia di quota o di leadership (acquisire le altre concorrenti, combattere per affermarsi come leader incontrastato del settore ed esprimere la propria volontà a farlo)
  • Strategia di mietitura: ridurre i costi e gli investimenti senza toccare le attività cruciali del proprio business
 —

 Aggiornamento e piccole note sulla differenziazione

Per cercare di posizionarsi adeguatamente in caso si decida di provvedere a una differenziazione è opportuno fane pubblicità. Se attualmente ad esempio state vendendo ad esempio zanzarirere magnetiche o prodotti comunque di nicchia rispetto ai soliti dovete andare a cercare gli influencer del vostro settore; facciamo degli esempi.
Per influencer si intendono l’insieme delle persone fisiche o  giuridiche che hanno un’autorità tale nell’argomento riconosciutali da poter influenzare le decisioni di acquisto dei consumatori. Esempi di influencer sono i portali dei siti di opinioni e recensioni online come Ciao.it, Ilmigliorprodotto.it o opinioni.it; le riviste di settore (ad esempio nel caso dele macchine potremmo parlare di quattroruote.it).
Non bisogna dimenticarsi comunque di andare a cercare anche i marketplace dove la decisione di acquisto avviene: nel caso di acquisti online esempi possono essere trovaprezzi.it, amazon.it, ebay.it e via dicendo mentre nel caso di acquisto offline parliamo di supermercati, negozi, distributori in generale.
L’importante quindi per quanto riguarda la differenziazione non è solo differenziarsi ma anche farlo sapere adeguatamente.
Attenzione: se siete forti in un determinato prodotto pensateci molto bene prima di snaturare il marchio, non correte il rischio di attuare delle estensioni di linea ma create un nuovo brand se si tratta di prodotti non simili al principale del marchio, altrimenti certo potreste ritrovarvi con delle liquidità in aumento nel breve periodo ma appunto è probabile che si rischino molte variabili che potrebbero pregiudicare acquisti futuri quindi “attenzione a giocarsela bene!”.
Precedente Che cos'è uno standard tecnico? Definizione e spiegazione strategia d'impresa Successivo Modello prescrittivo, predittivo, descrittivo: cosa sono e differenze