La natura e le fonti del vantaggio competitivo

Vantaggio competitivo

Un’impresa può ottenere una redditività superiore al costo del capitale sia posizionandosi in un settore alternativo sia realizzando un vantaggio competitivo rispetto ai suoi rivali.

Tra queste due fonti di redditività, il vantaggio competitivo è sicuramente il piùimportante perché da quando la concorrenza sui vari mercati si è intensificata, solo pochi ambienti settoriali possono garantire rendimenti sicuri. Dunque l’impresa adotta come strategia principale la posizione di vantaggio competitivo.

Se la concorrenza da un lato fronisce l’incentivo per stabilire un vantaggio, contemporaneamente contribuisce ad eroderlo. Dunque l’obbiettivo fondamentale di una strategia è stabilire una posizione di vantaggio competitivo  per l’impresa.

Definizione del vantaggio competitivo:

“quando due o piùimprese competono all’interno dello stesso mercato, un’impresa possiede un vanaggio competitivo sui suoi rivali quando ottiene in maniera continuativa una redditività superiore, o quando ha la possibilità di conseguirla.”

Il vantaggio competitivo e redditività sono cose differenti, infatti il vantaggio competitivo non si manifesta necessariamente sottoforma di maggiore redditività: un’impresa può rinunciare ai profitti attuali per investire in quota di mercato, tecnologia, soddisfazione del cliente o lussi per i dirigenti.

  1. Le fonti esterne di cambiamento
  2. Reazione al cambiamento e vantaggio competitivo
  3. Innovazione e vantaggio competitivo
Precedente Web marketing: perchè è importante realizzare un sito web aziendale efficace Successivo Le fonti esterne di cambiamento